`

17 Maggio 2014 – Giornata contro l’omofobia e la transfobia!

Cincopa video hosting solution for your website. Another great product from Cincopa Send Files.

SABATO 17 MAGGIO 2014

GIORNATA MONDIALE CONTRO OMOFOBIA E TRANSFOBIA A RAVENNA

15.30 concentramento in Stazione e distribuzione OMAGGIO delle magliette della nuova campagna alle/ai partecipanti alla manifestazione.

16.00 – 18.00 corteo fino a Porta Adriana e ritorno ai Giardini Speyer (passando da Piazza del Popolo) se hai strumenti musicali che si possono usare mentre si cammina portali con te please!

18.30 ritrovo al Quake (Via Eraclea, 25) per merenda-rinfresco (bevande e dolcetti)

19:00 benvenuto e saluto delle Autorità

19:15 proiezione dello spot “Conta su di Me!” e presentazione campagne Arcigay

19:30 tavola rotonda “Contiamo su di Te” di alleati e alleate per i diritti delle persone lgbti a cui chiederemo perché scelgono di essere dalla nostra parte e come contrastano l’omofobia e la transfobia quando la incontrano.

20:30 cena etnica offerta alle/ai partecipanti

scarica cliccando qua il volantino dell’evento e se puoi stampalo e distribuiscilo!

 

Hai anche tu una mente aperta e sei contro bullismo, discriminazioni e ingiustizie?

se la risposta è positiva, partecipa alla manifestazione contro l’omofobia e la transfobia, anche solo per dare un segnale alle persone lgbt (lesbiche, gay, bisex, trans) che ti conoscono ma che non hanno il coraggio di rivelarsi per paura di perdere l’amicizia.

ti considereremo un’alleat* nel contrasto all’omofobia e alla transfobia e ti regaleremo questa maglietta da indossare nella manifestazione! (fino ad esaurimento scorte) 

Chi è un alleato / un’alleata?

Nel senso più generale e tecnico, un “alleato/a” è una persona che è parte di un gruppo dominante e maggioritario e che si impegna, nella propria vita personale e professionale, per mettere fine all’oppressione degli altri, tramite il supporto e la presa di posizione in favore di coloro che sono oppressi. Gli alleati di qualsiasi minoranza sono importanti nel promuovere un cambiamento positivo nella cultura dominante. In tutto il mondo in cui si stanno realizzando cambiamenti positivi nel senso dei diritti e delle libertà civili, è sempre più forte la consapevolezza e il ruolo di molte persone eterosessuali nel prendere posizione per il cambiamento.

    • Ha una mentalità aperta e sa ascoltare

    • Pensa con la propria testa e riconosce stereotipi, pregiudizi e discriminazioni

    • Si oppone a battute, commenti e atti omofobici o transfobici

    • Non dà per scontato che tutte le persone siano eterosessuali e usa un linguaggio inclusivo

    • Si confronta con i propri pregiudizi e si impegna nella propria crescita personale, nonostante il disagio che a volte questo può causare

    • Crede che ogni persona indipendentemente da età, sesso, etnia, genere, religione, orientamento sessuale o identità di genere dovrebbe essere trattata con dignità e rispetto

    • Si attiva per lo sviluppo di una cultura libera dall’omofobia e dalla transfobia

    • Riconosce i privilegi e i diritti di cui godono le persone eterosessuali e che invece sono negati alle persone LGBTI (Lesbiche, Gay, Bisex, Trans, Intersex)

    • E’ una persona su cui le persone LGBTI possono contare nella loro vita quotidiana e nelle loro battaglie

Un esempio di ciò che si può fare nel quotidiano per ridurre il clima omofobico/transfobico

Ti capita mai di sentire usare, anche solo per scherzo, parole omofobe?

Le persone LGBTI presenti, sono costrette ad ascoltare senza reagire per non diventare bersagli di attacchi.

Un modo per aiutarle (e per aiutare chi – per ignoranza – non si accorge di offendere chi non può difendersi) è quello di rispondere subito a quelle parole. Rispondere facendo capire quanto e perché possano essere offensive, ad esempio con domande del tipo “immagina di essere gay: come ti sentiresti nella stessa situazione, in un ambiente che ridicolizza o disprezza una parte della tua identità?”.

La ricerca scientifica ha dimostrato che quando in un gruppo qualcuno inizia a parlar male di un’assente (e le persone LGBTI sono sempre assenti, perché invisibili), la seconda persona che parla deciderà l’esito della conversazione. Se continua a parlar male dell’assente tutto il gruppo finirà per parlarne male, se difende l’assente tutto il gruppo finirà per difenderlo. Impariamo a parlare per secondi e insegniamo a farlo!

…non è necessario essere un panda per difendere i diritti degli animali,

non è necessario essere omosessuali per difendere i loro diritti,

basta ESSERE UMANI e riuscire a dire “CONTA SU DI ME!”

 

Posted on
Wednesday, May 14th, 2014
Filed under:
Comunicati Stampa.
Tags:
Subscribe
Follow responses trough RSS 2.0 feed.
Trackback this entry from your own site.

No Comments Yet to “17 Maggio 2014 – Giornata contro l’omofobia e la transfobia!”

 
Arcigay Frida Byron – Ravenna is proudly powered by WordPress
Revolt Basic theme by NenadK. | Entries (RSS) and Comments (RSS).